Crea sito

Agente malato, sono in guerra ma in ospedale. CASTALDO-OSAPP: agire risolutivamente senza indugi.

(ANSA) – NAPOLI, 25 OTT – “Il Covid è infido, è silente, ma fa il suo lavoro: non si ferma mai, si insinua negli interstizi polmonari, e ha un solo scopo, riprodursi, riprodursi, riprodursi”. Dallo scorso 15 ottobre Ciro Zeno, è ricoverato nell’ospedale Rummo di Benevento, dopo aver cercato inutilmente posto a Napoli. Non riusciva a respirare a causa della polmonite. Per fortuna la malattia è trattabile con ossigeno e terapia farmacologica. Ha 53 anni, è un poliziotto penitenziario, precisamente un assistente capo, e non aveva alcuna patologia pregressa. Eppure il virus l’ha colpito con violenza e adesso è collegato ai tubicini dell’ossigeno, ai sensori dei parametri vitali, al saturimetro ed ha un accesso arterioso al braccio sinistro. Parlare per lui è faticoso e quindi affida a WhatsApp la sua testimonianza: “Questa è una vera e propria guerra che si combatte nei letti d’ospedale e non nei talk show – dice – se ne convincano tutti, compresi i negazionisti di piazza e da tastiera”. A loro , ma anche ai politici, lancia un appello: “Bisognerebbe vedere, per capire cosa significa tutto questo – sottolinea – ma tutto questo non vogliono vedere né capire. Anzi. Spesso si rifiutano di capire. Forse si sono già dimenticati tutto. Ecco, forse il punto della questione è proprio questo: ci siamo dimenticati tutto: anche le bare di Bergamo, i vecchi morenti e soli nelle Rsa, le foto simbolo di quei guerrieri in corsia stravolti dal sacrificio, i murales con la dottoressa che tiene in braccio l’Italia ammalata, l’inno dai balconi”. E’ possibile? – si chiede e chiede Ciro – è possibile che la vita continui persino oltre il virus. E allora rieccoci qui, nella prima come nella seconda ondata, a litigare sulle colpe, a contestarci i ritardi. Come se la tragedia già vissuta non ci fosse servita”. Per Ciro c’è un solo modo per evitare di soffrire e di far soffrire il prossimo: le misure di sicurezza: “Sono fondamentali, – conclude – la mascherina, il distanziamento sociale ed evitare assembramenti. I politici agiscano e diano risposte concrete: la vita umana è sacra”. (ANSA).

Per il v.segretario regionale Osapp Campania Castaldo Luigi, la Politica deve agire senza remore e con decisione, affinché si prendano provvedimenti duri e risolutivi contro questo subdolo virus che purtroppo se lasciato agire creerà molti danni, come dimostrare le criticità dei tanti settori lavorativi privati e pubblici dello Stato, mettendo in ginocchio il sistema Italia, e Noi, non possiamo permetterlo.
Si intervenga subito, la Sars-Cov-2 non deve più circolare garantendo la vivibilità a tutti.

BaschiAzzurri.it e’ un portale di informazione e non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato con periodicità non definita in base alla disponibilità dei propri redattori. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.