Contatti con detenuto per un acquisto, dal gup agente penitenziaria: scelto abbreviato

Gela. Ha scelto il giudizio abbreviato la difesa dell’agente di polizia penitenziaria, accusato di abuso d’ufficio, perché secondo i pm della procura avrebbe avuto contatti non consentiti con un detenuto, a Balate. Ci sarebbe stato un accordo, secondo la difesa però dietro il versamento di un regolare pagamento, per l’acquisto di più di trenta scatole di cialde per il caffè. Contatti che secondo le accuse violerebbero la disciplina che regola l’attività degli agenti della penitenziaria. Davanti al giudice dell’udienza preliminare, la difesa, sostenuta dall’avvocato Marco Granvillano ha avanzato la richiesta di accedere al rito abbreviato, accolta dal magistrato. In aula, si tornerà a giugno. Per il legale, l’accordo per l’acquisto delle cialde sarebbe stato regolare, senza che siano mai emersi gli estremi dell’abuso d’ufficio.

Leggi l’articolo completo qui

BaschiAzzurri.it e’ un portale di informazione e non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato con periodicità non definita in base alla disponibilità dei propri redattori.

Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.