Emergenza covid nelle carceri di Secondigliano e Poggioreale: circa 200 contagiati tra detenuti e agenti penitenziari.

Scoppia l’emergenza covid all’interno delle carceri di Secondigliano e Poggioreale. Sarebbero circa 200 i contagiati tra detenuti e agenti penitenziari.

La situazione più drammatica  si registra al Padiglione Firenze del carcere di Poggioreale dove ci sono oltre 100 positivi. Sono in isolamento. Nei giorni scorsi due detenuti erano stati trasferiti al Cardarelli con gravi insufficienze respiratorie. E sempre a Poggioreale dopo lo screening sugli agenti sarebbero venuti fuori alcune decine di contagiati. A Secondigliano, dove anche si registrano decine di contagiati, sono state chiuse anche le cucine e non arriva il cibo ai detenuti. Anche la direttrice Giulia Russo era risultata positiva e poi si è negativizzata.

Sulla emergenza  covid nelle carceri campane ieri è intervenuto anche il garante campano dei detenuti Samuele Ciambriello: “Sono contento che anche i semiliberi di questo Istituto penitenziario da oggi fino al 31 dicembre resteranno a casa per una lunga licenza. Mi auguro che accanto all’applicazione del Decreto Ristori per coloro che devono scontare un anno e mezzo, si trovino le giuste e sacrosante soluzioni anche per i detenuti piu’ a rischio, che hanno patologie croniche, malati oncologici, diabetici, cardiopatici”. Ciambriello ha fatto visita al carcere di Salerno, in cui ci sono attualmente 439 ristretti e 40 ristrette. Accompagnato dalla Direttrice facente funzioni, la dottoressa Gabriella Niccoli, dal comandante Gianluigi Lancellotta e dalla vicecomandante Grazia Salerno, ha fatto visita in alcune sezioni, parlando con delle delegazioni di detenuti sul tema “Covid in carcere”.

Il garante Ciambriello ha chiesto informazioni, confrontandosi con il responsabile sanitario dell’istituto, il dottor Antonio Pagano, dichiarando che al momento risulta positivo un solo detenuto, lavorante, e sono in isolamento sanitario 35 detenuti, tutti lavoranti, che hanno avuto possibili contatti. Ad oggi nel carcere di Salerno – si legge nella nota – sono stati effettuati, 800 tamponi per i detenuti, tra personale e popolazione ristretta e 200 ai nuovi giunti. “Considerata l’allarmante emergenza che coinvolge tutto il mondo penitenziario, – ha concluso Ciambriello – dal personale ai ristretti, ritengo sia doveroso che si arrivi all’indulto. La politica su questo argomento non puo’ essere ne’ cinica ne’ pavida. Sono fiducioso infine che le procure utilizzino la custodia cautelare in carcere solo in casi gravi ed eccezionali”.

Fonte: cronachedellacampania.it

BaschiAzzurri.it e’ un portale di informazione e non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato con periodicità non definita in base alla disponibilità dei propri redattori.

Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.