Crea sito

Porta droga e telefonino al fratello detenuto, bloccata 23enne nel carcere di Secondigliano

Voleva introdursi con la droga e un telefonino al carcere di Secondigliano, bloccata la sorella del detenuto. La 23enne si è recata al colloquio nel penitenziario napoletano con 32 grammi di hashish e un microtelefonino con sim. Bloccata e denunciata dalla Polizia Penitenziaria in seguito al ritrovamento.

LA SCOPERTA NEL CARCERE

Dure le parole dei sindacalisti Vincenzo Palmieri e Luigi Castaldo: “Il fenomeno dell’introduzione di materiale illecito e sostanze stupefacenti all’interno degli istituti penitenziari campani è all’ordine del giorno e l’attuale normativa vigente non ha prodotto i risultati sperati, pertanto ci si auspicano maggiori investimenti delle istituzioni in risorse strumentali e umane, nonché l’impiego costante delle unità cinofile, idonei a contrastare questi fenomeni”. La nota si conclude con un plauso al personale di Polizia Penitenziaria operante nel penitenziario di Secondigliano coordinato dal dirigente aggiunto Andrea D’Apolito.

Fonte: internapoli

BaschiAzzurri.it e’ un portale di informazione e non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato con periodicità non definita in base alla disponibilità dei propri redattori.

Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.