Crea sito

Trento, detenuto straniero aggredisce una poliziotta in carcere e tenta di baciarla

Esperienza traumatica per una poliziotta penitenziaria in servizio nella Casa circondariale di Spini di Gardolo a Trento. Un detenuto straniero, addetto alle pulizie della Caserma Agenti, ha prima aggredito e poi ha tentato di baciare una poliziotta che, libera dal servizio, era nella sala lavanderia del carcere per stendere dei panni. La denuncia arriva dal rappresentante sindacale locale, che critica la mancata predisposizione di unità di controllo e vigilanza del detenuto addetto alle pulizie.

“La collega, comprensibilmente sotto shock, ha vissuto una esperienza incredibile ed allucinante ed a lei va tutta la nostra solidarietà e vicinanza”, spiega il sindacalista. “E’ successo che martedì la poliziotta, che vive in Caserma ed era libera dal servizio, era uscita dalla sua stanza per andare in lavanderia e stendere gli abiti che aveva appena lavato. All’interno del locale vi era il detenuto, di origine nigeriana, addetto alle pulizie in regime di articolo 21 dell’Ordinamento penitenziario (ossia ammesso al lavoro all’esterno del carcere). La collega ha chiesto al detenuto, che si stava apprestando a lavare per terra, di consentirle l’accesso per stendere ed evitare quindi di passare sul pavimento bagnato. Questi si è fermato e, mentre la poliziotta si è abbassata per prendere i panni dalla bacinella, l’ha proditoriamente afferrata per un braccio, trascinandola verso di sé e tentando di baciarla. La collega è però stata brava a divincolarsi ed a sfuggire alla presa dell’uomo, che subito però si è allontanato. Ora è ovviamente sotto shock ma è grave che la Direzione del carcere trentino non abbia predisposto la figura del ‘Casermiere’, ossia un poliziotto che segua i detenuti ammessi a svolgere attività lavorativa nella Caserma Agenti, anche in considerazione del reato di cui si è macchiato lo straniero”.

Fonte: tgverona.it

BaschiAzzurri.it e’ un portale di informazione e non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato con periodicità non definita in base alla disponibilità dei propri redattori. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001.